Nel mese di agosto a Bruxelles, insieme alla nomina dell’Alto rappresentante dell’UE Federica Mogherini, è stato scelto il nuovo Presidente del Consiglio europeo. Il polacco Donald Tusk ha assunto formalmente l’incarico il 1° dicembre 2014 sostituendo il belga Herman Van Rompuy in carica da cinque anni. Ma chi è Tusk? E più in generale che ruolo ha il Presidente del Consiglio europeo e come viene scelto?

Chi è Donald Tusk

Donald Tusk è un politico polacco di 57 anni appartenente al PPE (Partito popolare europeo). La sua carriera politica inizia nel 1988 e dal 2007 al 2014 ha ricoperto il ruolo di Primo ministro della Polonia esercitando due mandati consecutivi. Essendo di estrazione popolare, sostiene fortemente la causa di un’Europa più integrata ma, al contrario del suo collega Jean Claude Juncker (Presidente della Commissione europea), non ha spinte federaliste. Proprio per questo motivo la sua nomina è stata fortemente sostenuta da David Cameron (al contrario di quella di Juncker). Oltre all’approvazione da parte del Primo Ministro inglese, Tusk ha ottenuto l’appoggio dal Cancelliere Angela Merkel secondo la quale il polacco sarebbe l’erede ideale di Van Rompuy.

Donald Tusk insieme a Herman Van Rompuy ex Presidente del Consiglio europeo

Il neo Presidente Donald Tusk insieme a Herman Van Rompuy 

Come viene nominato e quanto dura il suo mandato

Il Presidente del Consiglio europeo viene eletto dai membri del Consiglio stesso (composto dai capi di Stato o di governo dei Paesi membri) attraverso il voto a maggioranza qualificata. Il mandato del Presidente dura due anni e mezzo ma può essere rinnovato per una seconda ed unica volta, come nel caso di Van Rompuy che ha esercitato due mandati consecutivi. Durante l’incarico il Presidente non può contemporaneamente ricoprire incarichi a livello nazionale.

La scelta del Presidente avviene tra una rosa di illustri politici europei tenendo conto del necessario mantenimento dell’equilibrio tra le cariche. Non è infatti pensabile che diversi incarichi possano essere assegnati contemporaneamente a persone della stessa nazionalità: non si avranno mai alla presidenza della Banca centrale europea e a quella del Parlamento due italiani o due tedeschi simultaneamente. Gli incarichi sono quindi il più bilanciati possibile dal punto di vista della provenienza e si cerca, non senza difficoltà, di garantire anche la parità di genere, attualmente però tutti i ruoli di presidenza più importanti come Parlamento, Consiglio europeo, Commissione e BCE, sono assegnati a uomini.

Ruoli del Presidente del Consiglio europeo

I ruoli del Presidente sono stabiliti nel Trattato sull’Unione europea. Essi in sintesi sono: presiedere e animare i lavori del Consiglio europeo; assicurare la preparazione e continuità dei lavori dello stesso cooperando con il Presidente della Commissione europea; facilitare coesione e consenso all’interno del Consiglio esercitando il ruolo di mediatore; informare tramite delle relazioni il Parlamento europeo circa le attività del Consiglio.

Il ruolo del Presidente del Consiglio è stato fortemente rafforzato tramite il Trattato di Lisbona del 2009. In precedenza la Presidenza del Consiglio europeo veniva assunta a rotazione di sei mesi da uno Stato membro, come avviene attualmente per la Presidenza del Consiglio dell’Unione europea, altra e diversa istituzione dell’UE.

 

Jennifer Murphy

Lascia un commento

About the Author


Mi sono avvicinata alle dinamiche europee ed internazionali durante i miei anni di studi universitari che mi hanno portata a laurearmi in Scienze politiche-Studi internazionali presso l’Università degli studi di Trento con una tesi sulla diffusione delle tematiche europee nelle scuole superiori ed attraverso i media. Attualmente sono studentessa presso il corso di laurea magistrale in Gestione delle organizzazioni e del territorio, sempre all’Università di Trento. Spero un giorno di poter trasformare questa mia passione in un lavoro.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *